Seleziona una pagina

Il 16 febbraio Torino è scesa in piazza contro l’antisemitismo, proprio nel giorno in cui è scomparso il professor Davide Schiffer, partigiano delle Langhe il cui padre morì ad Auschwitz, e che ho avuto l’onore di conoscere. Oggi la notizia dell’ennesimo oltraggio. Dopo i gravissimi fatti di Mondovì, purtroppo le svastiche e le scritte ingiuriose hanno continuato a comparire in giro per il Piemonte: fra le altre, la scritta “juden hier” sulla porta di Marcello Segre a Torino.
Cresce, anche nella Regione Piemonte, un rigurgito neofascista che offende Storia e Memoria.
Non sono bravate, non sono episodi sporadici. Sono reati e sono un campanello d’allarme rispetto a ciò che si muove, purtroppo, nella società, anche sfruttando la Rete.
Dobbiamo continuare ad opporre il valore della conoscenza dei fatti accaduti a quanti vorrebbero il colpo di spugna.