Seleziona una pagina

chinaglia

Antonio Chinaglia è stato finalmente insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica. Insieme al Comune di Borgo, abbiamo molto lavorato perché tale onorificenza potesse giungere presto, e sono ora molto felice.
Innumerevoli sono i suoi meriti che tutti noi, borgarini e non, ben conosciamo: innanzitutto quelli da lui dimostrati nella Lotta Partigiana, nel corso della quale, con il nome di “Lince” si è distinto come pochi altri sia nelle azioni militari sia in quelle di assistenza e supporto alla popolazione civile. Un valore ed un impegno civico che per Antonio Chinaglia non è terminato con la Liberazione: anzi, con la nascita della Repubblica si è ulteriormente rafforzato, concretizzandosi nel suo impegno nelle associazioni combattentistiche come l’ANPI e per tutta la comunità. Per questo il conferimento del cavalierato ha un significato speciale: testimonia il riconoscimento non solo nostro, ma insieme dell’intera Repubblica per la sua incomparabile dedizione agli altri e per l’opera trasmissione della memoria e dei valori di democrazia e libertà di cui è stato instancabile promotore, specie nei confronti dei più giovani. Un ulteriore ragione, per me e per tutti noi, per cui Antonio Chianaglia rappresenta, tanto più oggi, un esempio da seguire.