Seleziona una pagina

Venerdì sarà la giornata decisiva per la Riva Acciaio. Il Consiglio dei Ministri, come anticipato dal ministro Zanonato, dovrebbe introdurre la modifica normativa necessaria alla soluzione immediata della crisi.
Secondo la nuova norma, in caso di sequestro delle attività produttive, il garante giudiziario avrà il compito di far proseguire l’attività con parte degli organi societari. Questo a tutela, come avevamo chiesto, innanzitutto dei lavoratori e dei fornitori.
Una buona notizia per tutti gli stabilimenti interessati dallo stop di queste settimane, a cominciare da quello di Lesegno. E’ il primo risultato del lavoro intenso di queste settimane, fuori e dentro il Parlamento.
Confidiamo che possa in tal modo essere definitivamente scongiurata la perdita di lavoro per 1400 persone in tutta Italia e oltre 250 nella Granda.

X