Seleziona una pagina

Accogliamo di buon auspicio, e come nuova possibilità, le dichiarazioni del nostro segretario Matteo Renzi che sembra manifestare attenzione ed interesse sull’importanza delle preferenze all’interno del nuovo sistema elettorale che si sta elaborando. Continueremo la nostra ‘battaglia’ politica, il Parlamento – adesso – dovrà trovare una convergenza su questo punto“.
A parlare, come si legge in una nota diffusa dagli stessi, sono i parlamentari di #preferiscolepreferenze che in queste ore hanno animato il dibattito con una petizione on line che ha già raggiunto oltre cinquemila sostenitori.
I deputati Pd Moscatt, Petitti, Ventricelli, Bordo, Ribaudo, Culotta, Bruno Bossio, Gribaudo, Boccuzzi, Paolucci, Zappulla, Albanella, Fabbri, Gregori, Baruffi, Montroni, D’Arienzo, Pagani ed altri, sono convinti che “non si può prescindere dall’esprimere il voto. La petizione, e più completamente questa mobilitazione, non è contro qualcuno, non rappresenta una proposta contro o una controproposta, non è finalizzata a rallentare i percorsi virtuosi avviati, ma serve per qualificarli e renderli quanto più corrispondente ai desideri dei cittadini“.

X