Seleziona una pagina

Chi sono

Sono nata a Cuneo nel 1981. Mi sono diplomata all’ITC Bonelli di Cuneo e, in seguito Educatrice professionale a Torino.
Ho diviso il mio impegno lavorativo tra scuola, il privato sociale con minori e disabili e la collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli onlus di cui sono stata codirettrice; già responsabile Lavoro PD della Granda, sono stata Consigliere e poi Assessore a Borgo San Dalmazzo; dal 2013, deputata del Partito Democratico.
(video: elezioni 2018)

News

Torino-Savona e l’isolamento della Granda

Il viadotto crollato sull'autostrada Torino-Savona ha reso insostenibile la già difficile situazione infrastrutturale della Granda, che oggi rimane praticamente isolata. Tunnel di Tenda, Asti-Cuneo, circonvallazioni, Colle della Maddalena ancora senza paravalanghe che...

leggi tutto

Mahle, la Regione non può impegnarsi solo a parole

Mercoledì 27 sono stata presente al tavolo presso il Ministero dello sviluppo economico sulla crisi della #Mahle, l’azienda presente su Saluzzo e La Loggia con 450 dipendenti che vorrebbe chiudere entrambe gli stabilimenti. Ho anche potuto incontrare la loro...

leggi tutto

Le mie proposte all’Assemblea nazionale Pd

Il 17 novembre all'Assemblea nazionale del PD a Bologna ho presentato alcuni ordini del giorno, per condividere con la nostra comunità alcuni temi che credo siano indispensabili per rilanciare il nostro lavoro: in particolare parità salariale, della quale vi ho già...

leggi tutto

Twitter

Ed anche oggi facciamo un passo avanti. Per la prima volta una donna presidente aggiunto della Corte di #Cassazione. Complimenti Margherita #Cassano!

Circa 8 ore fa dal Twitter di Chiara Gribaudo via Twitter for Android

Facebook

2 giorni fa

Chiara Gribaudo

L'Istat fotografa una situazione grave che onestamente non penso possa migliorare nei prossimi mesi. Anzi. La pandemia e la crisi materiale ad essa connessa, infatti, faranno sentire la loro morsa. L'Istat ci dice che è stato raggiunto nel 2019 il minimo storico di nascite dall'unità d'Italia, con il meno 4.5% rispetto al 2018. Nell'analisi geografica e sociale dei dati, si capisce come resti in piedi un vecchio adagio mai superato: al Nord si fanno più figli perché le donne lavorano di più. Come non vedere, infatti, il legame fra condizione occupazionale femminile e genitorialità? Come non vedere come, al Sud, si ponga una doppia questione che è insieme femminile e meridionale? Di fronte a questo quadro, che non potrà che vedere un peggioramento nei prossimi mesi, siamo chiamati a dare un segnale. Lo dico da tempo. L'emergenza occupazionale delle donne, il gender gap salariale, lo squilibrio nel carico di lavoro domestico sono i grandi temi con cui siamo chiamati a confrontarci. Senza una risposta a queste grandi questioni diventa più profonda la crisi della sinistra e dei partiti che vi si collocano. E le disuguaglianze possono portarci ad una vera e propria crisi democratica. Non in un lotano domani, ma in un prossimo futuro. Era difficile prima della pandemia, diventa un quadro veramente drammatico oggi. ... Leggi di piùLeggi meno

Guarda su Facebook
X