Seleziona una pagina

È iniziato alla Camera il lavoro sulla Legge di Bilancio 2021. Il testo presentato dal governo punta molto sugli sgravi contributivi per giovani e donne e sulla transizione ecologica dell’economia, oltre a prolungare e incrementare le risposte alla crisi causata dal Covid-19. Personalmente, insieme a tante deputate e deputati non solo del PD, ho presentato vari emendamenti per rafforzare le misure in direzione delle pari opportunità.
In particolare, chiediamo che il congedo di paternità passi da 7 a 30 giorni, più fondi per gli asili nido, maggiore estensione dei congedi covid a lavoratori autonomi e non solo, e il pagamento della maternità eseguito direttamente da INPS anziché da parte delle aziende. Inoltre chiediamo che sia istituito un fondo dedicato al raggiungimento della parità salariale, in modo da dare gambe alla proposta di legge che stiamo portando avanti in Commissione Lavoro (ve ne parlo più avanti in questa newsletter).
Molti altri emendamenti che stiamo portando avanti riguardano il mondo del lavoro, in particolare del lavoro autonomo. E quello di chi con il lavoro fa i conti per la prima volta: i tirocinanti. Ho chiesto che la loro indennità minima venga raddoppiata, da 300 a 600 euro, e che le regole per i tirocini extracurriculari vengano rese più stringenti per avere percorsi di maggiore qualità.
Ho avuto occasione di parlarne in questa iniziativa. (video)

X