Seleziona una pagina

In Commissione Lavoro è finalmente iniziato l’iter legislativo per arrivare a una legge per misurare la rappresentatività delle organizzazioni sindacali e dare loro più forza per garantire diritti e tutele nel mondo del lavoro che cambia. Sono la prima firmataria di una delle proposte in discussione e svolgerò il ruolo di relatrice di minoranza [leggi].
Questa legge, la cui discussione è stata fortemente voluta dalle opposizioni e non dalla maggioranza, per il PD deve precedere qualsiasi discussione sul salario minimo, che non deve essere fatto contro ma insieme ai sindacati, diversamente da come il governo ha impostato fino a oggi le sue scelte sul lavoro. Oggi i contratti collettivi nazionali sono messi in forte difficoltà dalla proliferazione di contratti minori che in alcuni casi sono veri e propri contratti pirata, stipulati da organizzazioni con scarsa e dubbia rappresentatività per abbassare costi e diritti dei lavoratori. Il Cnel ci dice che alla fine del 2017 c’erano quasi 900 contratti, oltre la metà scaduti senza essere rinnovati, di cui solo il 33% firmato da Cgil, Cisl e Uil. La misurazione trasparente della rappresentatività dei sindacati, dei lavoratori e dei datori, è necessaria anche a combattere questo tipo di dumping sociale. Chiederemo che la commissione tenga un largo ciclo di audizioni perché tutte le parti sociali e gli esperti del settore possano concorrere a scrivere questa legge, necessaria anche a dare attuazione all’articolo 39 della Costituzione.

X