Seleziona una pagina

Continua la rassegna di storie di giovani e di lavoro: in questo numero, il racconto dell’esperienza di Silvia Giamello e di suo marito Simone, che hanno aperto “Briciole di natura” una bottega dove producono prodotti da forno senza glutine senza coloranti e conservanti, a Diano d’Alba.

SilviaGiamello_rid
1) Qual è la tua attività? Cosa ti ha spinto ad intraprenderla?
Io e mio marito Simone abbiamo da circa un mese deciso di aprire “Briciole di natura”, un laboratorio con annessa bottega dove produciamo prodotti da forno senza glutine senza coloranti e conservanti nel comune di Diano d’Alba in provincia di Cuneo.
La consapevolezza, circa 8 anni fa, dell’essere celiaco di mio marito, ci ha spinto nel tempo a ricercare materie prime di qualità che oltre a non contenere glutine potessero essere impiegate per la realizzazione di prodotti gradevoli per i soggetti intolleranti o che semplicemente vogliano limitare il consumo di glutine senza doversi più accontentare di quello che il mercato offriva.

2) La scuola che hai fatto ti ha aiutato? Ti ha dato gli strumenti utili per scegliere il tuo lavoro e per proseguirlo?
Il mio percorso di studi non è stato indirizzato verso questo tipo di settore avendo seguito il corso di Interior Design presso l’Istituto Europeo di Design di Torino; tanto meno quello di mio marito che ha seguito il corso triennale di idraulica, lavoro che per altro ha svolto fino a pochissimi mesi fa. Ma l’interesse verso la lavorabilità delle materie prime senza glutine l’ha spinto a seguire un corso che gli ha permesso di ottenere le basi per avviare il nostro processo di produzione.

3) Come mai la scelta del lavoro autonomo? Quali aspetti positivi o difficoltà particolari hai incontrato?
Senza presunzione ci permettiamo di affermare che tutt’oggi nel nostro circondario non vi sono molti “artigiani del senza glutine”, ed è qui che nasce la voglia di creare, non una Ditta, non un’industria, ma un laboratorio artigiano dove poter sfornare sempre nuovi prodotti senza mai ritenersi arrivati al prodotto migliore.
Sicuramente dal punto di vista burocratico vi sono molti rallentamenti e l’iter per poter avere la certificazione regionale per poter richiedere la certificazione di alcuni prodotti di nostra produzione al Ministero della Salute a Roma è piuttosto macchinosa e dai tempi a dir poco biblici.

4) Sei pentito o consiglieresti a qualcuno di prendere spunto dalla tua esperienza?
È sicuramente una scelta di vita che condiziona tutta la Famiglia. Noi abbiamo un bimbo piccolo di due anni e mezzo e questa decisione da noi presa con tutte le consapevolezza del caso ha comunque stravolto il nostro modo di vivere. È un percorso faticoso ed impegnativo che solo chi ha davvero ragionato sul “come potrebbe essere” può intraprendere.
Noi siamo fiduciosi, e speriamo che le energie che stiamo impiegano in questo progetto porteranno a delle soddisfazioni. Noi ci crediamo.
Noi consigliamo a tutti i giovani che hanno un sogno”razionale” di avere il coraggio di perseguirlo ma mai a discapito della Famiglia. La difficoltà maggiore è proprio questa: riuscire come in un grande puzzle a far combaciare tutti i tasselli in modo perfetto.

5) Progetti per il futuro?
Noi ci auguriamo di non perdere mai l’entusiasmo nel creare prodotti nuovi e rendere felici di poter scegliere che alimenti acquistare, tutte quelle persone che non potendo mangiare glutine, fino a poco tempo fa si sono dovute accontentare.
Il nostro motto è. ..il laboratorio è sempre mentalmente in movimento.

info etc: sitowebpagina Facebook

X