Seleziona una pagina

Con i colleghi parlamentari PD, abbiamo aderito con convinzione alla proposta di legge di iniziativa popolare contro le false cooperative promossa dall’Alleanza delle Cooperative. Crediamo infatti questa forma associativa e nelle sue finalità, e vogliamo che si contrasti chi utilizza strumentalmente la cooperazione perseguendo obiettivi estranei a quelli mutualistici. C’è un bisogno di legalità che esprime questo mondo cui bisogna dare ascolto.
La proposta di legge prevede la cancellazione dall’Albo delle Cooperative e la conseguente perdita della qualifica per le imprese che non siano state sottoposte alle revisioni/ispezioni; la definizione di un programma di revisioni, in via prioritaria, per quelle cooperative che non siano state sottoposte da lungo tempo a controlli, così come per le cooperative appartenenti ai settori più a rischio; la tempestiva comunicazione dello scioglimento all’Agenzia delle Entrate per contrastare il fenomeno delle cooperative che nascono e cessano l’attività nel giro di pochi mesi accumulando debiti nei confronti dell’Erario; la creazione di una cabina di regia al Mise che coordini i soggetti chiamati a vigilare sulle cooperative evitando sovrapposizioni e duplicazioni di adempimenti attraverso intese con consentano di coordinare revisori provenienti anche da altre Amministrazioni.
Ci auguriamo che il Parlamento decida di dare ascolto al bisogno di legalità che arriva dalla proposta dell’Alleanza. Separare la buona cooperazione dalla falsa deve essere una priorità per garantire serietà e competenza in un settore così importante per la nostra economia.

X