Seleziona una pagina

Sull’autostrada Asti-Cuneo questo Governo ci sta mettendo la faccia…e la “testa”, per arrivare ad una soluzione tanto complessa, quanto non più rimandabile. Lo stesso presidente del Consiglio è intervenuto alla Camera assicurando la priorità di questa infrastruttura e che il Ministero dei Trasporti è al lavoro. Renzi ha chiaramente riaffermato l’intenzione di sbloccare questa come tutte le opere rimaste ferme, pubbliche e private. Ragione per noi per chiedere risposte in tempi rapidi.
Stop quindi all’immobilismo… ma anche ai rimpalli di responsabilità: sappiamo che il Ministero delle Infrastrutture in queste settimane è al lavoro per dare seguito agli impegni presi dal ministro Delrio con noi e con il territorio, nell’incontro che abbiamo avuto a febbraio. E’ da questa via che passa oggi la possibilità più verosimile e concreta di veder partire al più presto i cantieri.
In tre mesi, comunque, dopo decenni qualcosa si è chiaramente mosso e si muove (nonostante qualche collega, quando torna da Roma, provi a dire di no). Le affermazioni del premier oggi lo confermano.
Continuiamo quindi a lavorare tutti insieme, senza farci tentare da personalismi singoli o di partito, se vogliamo davvero favorire e anzi accelerare la soluzione per i lotti mancanti.
L’obiettivo deve essere ratificare la piena saldatura tra gli interessi locali e quelli nazionali, al servizio dell’esito positivo che ci chiedono cittadini e imprese.

X