Seleziona una pagina

2014.11.26_sedepdSono in commissione quando arriva la notizia che a Cuneo hanno nuovamente assalito la sede del PD.
Per scagliare parole, col rischio di farsi rispondere nel merito, almeno ci vorrebbero delle idee. Per scagliare un po’ di vernice, non servono nemmeno quelle. Ringraziamo per i bei colori. Sono cicatrici di democrazia, se pur variopinte, di cui andiamo orgogliosi.

Vi riporto inoltre, il comunicato stampa del Segretario Provinciale del Partito Democratico Provincia Di Cuneo, Emanuele Di Caro:
Secondo atto vandalico contro sede del PD: clima inaccettabile e preoccupante.
Il secondo attacco vandalico in pochi mesi contro la sede del Pd di Cuneo è un segnale molto preoccupante. Non per la quantità dei danni arrecati, non solo per quello almeno, ma per la qualità del clima politico che anche nella nostra realtà si respira ormai da qualche tempo.
Imbrattare con uova piene di vernice i muri esterni e le vetrate di una sede di partito non è, infatti, solo un gesto inqualificabile sotto il profilo civile, ma è un atto che sposta la discussione politica dal piano del confronto fra le parti a quello dello scontro e della violenza, anche se limitata, per ora e non sappiamo fino a quando, agli intonaci e ai vetri di uno stabile.
Va da sé che non intimidiscono simili atteggiamenti, ai quali, ne siamo certi, le istituzioni preposte sapranno dare le necessarie risposte. Quello che non è ulteriormente tollerabile, e su questo chiediamo che a esprimersi siano tutte le realtà politiche del territorio, è che la politica e il dialogo, anche se e quando muove da posizioni radicalmente e fortemente distanti e contrapposte, travalichino i limiti del vivere civile e democratico.

X