Seleziona una pagina

Questo pomeriggio la Camera ha approvato all’unanimità le due Mozioni presentate dal PD su disoccupazione, lavoro per i giovani e “Youth Guarantee” europea, intorno alle quali si era già misurata un’ampia convergenza nei lavori di Commissione e in Aula.

Il prossimo Consiglio UE del 27 giugno sarà un appuntamento cruciale nel contrasto alla disoccupazione giovanile, vero e più urgente dramma nell’Europa di oggi.” ha dichiarato l’on.Chiara Gribaudo, copromotrice dell’iniziativa.

L’Italia arriverà a quell’appuntamento con il secondo primato negativo fra i Paesi UE (40,5% ad aprile su dati l’Eurostat), seconda solo alla Spagna. Per questa ragione era fondamentale che il Governo ricevesse dal Parlamento una larga investitura,  per rafforzare la sua capacità di negoziazione al Vertice. Con il voto di oggi, questa forza è arrivata. Non però un mandato generico o in bianco. Le mozioni a prima firma on.Gregori e on. Ascani – delle quali sono cofirmataria – fissano, al contrario, alcuni punti chiari che impegnano l’Esecutivo:  integrazione nel mercato del lavoro dei giovani fuori da percorsi di istruzione o lavoro (Neet), contrasto alla dispersione scolastica, incremento delle risorse per lavoro e Sapere, più stretto collegamento nelle politiche attive fra formazione-lavoro, un’alleanza europea per l’apprendistato, adeguamento dei Servizi per l’Impiego, defiscalizzazione e decontribuzione per le nuove assunzioni, sono solo alcuni dei punti in un pacchetto di indicazioni che vuole tenere insieme le richieste all’Europa con l’effettiva applicazione sul territorio.

Spetta ora al Governo contribuire alla piena riuscita del Consiglio: lo stanziamento immediato dei 6 miliardi della Youth Guarantee e il successo nelle trattative per l’incremento del Budget UE saranno, per questo, due punti fondamentali per dare immediatezza e insieme continuità nel tempo alla risposta.

X