Seleziona una pagina

Finalmente è stata approvata la legge che incarica il Governo di mettere mano nei prossimi mesi al riordino del fisco.
L’obiettivo, inseguito da vent’anni, è quello di rendere il sistema più equo, trasparente e favorire la crescita. Per questo ci si propone innanzitutto di proseguire il contrasto all’evasione e all’elusione fiscale, mettendo mano a quelle zone d’ombra o duplicazioni che favoriscono fenomeni di erosione fiscale (cosiddette tax expenditures).
L’intenzione è comunque quella di tenere ferma la tutela – oltre che della famiglia e della salute, del patrimonio artistico, dell’ambiente, della ricerca ed innovazione – dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi da imprese minori e dei redditi da pensione. Le maggiori entrate, confluiranno esclusivamente nel Fondo per la riduzione della pressione fiscale (DL n.138/11) ed andranno a diretto vantaggio di famiglie ed imprese oneste.

La Delega delinea già i contorni degli interventi attesi. Tra i più importanti, voglio citarne solo alcuni: l’attesissima riforma del catasto, con gli estimi calcolati, finalmente, utilizzando come unità il metro quadro e non il numero dei vani; la detraibilità degli scontrini per favorire un regime di convenienza nella fedeltà fiscale, che serva ad ampliare la base dei contribuenti e contrasti quei milioni di piccoli casi quotidiani che, tutti insieme, sono una parte rilevante dei nostri problemi; la semplificazione, anche riferita al sistema di addizionali regionali e comunali, ma soprattutto agli adempimenti amministrativi ed alle funzioni dei sostituti d’imposta, dei Caf e degli intermediari. Infine, fondamentale sarà il capitolo relativo ad Ires ed Irpef e l’ipotesi di introduzione di regimi forfettari per contribuenti di minori dimensioni. Fin da subito, questo proposito, è bene rimarcare che la progressività e la sostenibilità della tassazione dovranno essere i criteri con cui operare al meglio, nel senso di una maggiore equità e giustizia contributiva.

Per il dettaglio delle altre importanti misure in cantiere leggi qui (file pdf).

X