Seleziona una pagina

Chi sono

Sono nata a Cuneo nel 1981. Mi sono diplomata all’ITC Bonelli di Cuneo e, in seguito Educatrice professionale a Torino.
Ho diviso il mio impegno lavorativo tra scuola, il privato sociale con minori e disabili e la collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli onlus di cui sono stata codirettrice; già responsabile Lavoro PD della Granda, sono stata Consigliere e poi Assessore a Borgo San Dalmazzo; eletta Deputata nel 2013, da luglio 2015 sono stata nominata Vice Presidente del gruppo PD. A luglio 2017 sono divenuta responsabile del Dipartimento Lavoro del PD. Da luglio 2018, in Segreteria Nazionale PD con la delega Lavoro e professioni.

Rendiconto di mandato

Mi è sembrato doveroso raccontare questi cinque anni alla Camera dei Deputati.
Qui trovate il rendiconto in formato digitale: leggetelo, scrivetemi, fatemi sapere cosa ne pensate.

News

Asti-Cuneo, qualcosa non torna

Asti-Cuneo, qualcosa non torna Lettera di Chiara Gribaudo Pubblicato su "Il Foglio", 21 marzo 2019 C’è qualcosa di poco chiaro nel teatrino improvvisato lunedì dal Ministro Toninelli e dal premier Conte sul moncone dell’A33, la Salerno-Reggio Calabria del Nord, la...

leggi tutto

Di Maio tradisce Pernigotti

Il 5 febbraio al Mise si è tenuto il tavolo per la Pernigotti. Luigi Di Maio non c’era: aveva promesso a quei lavoratori una legge ad hoc per il marchio, aveva sfruttato la battaglia contro l’azienda per la sua propaganda, ma mentre si scriveva l’ultimo atto di questa...

leggi tutto

Programma incontri

agosto, 2019

Newssu evento

Fai una domanda

4 + 15 =

Twitter

#Salvini se ne va dal #Senato prima della fine del dibattito sulla #CrisiDiGoverno per fare una diretta facebook. Sulla cultura delle regole e delle istituzioni bocciato anche questa volta. pic.twitter.com/52vidgCQ0N

Circa 4 giorni fa dal Twitter di Chiara Gribaudo via Twitter for Android

Facebook

11 ore fa

Chiara Gribaudo

RACCAPRICCIANTE

Un vice sindaco leghista si è presentato su un palco con questa maglietta: c'è scritto "se non puoi sedurla, puoi sedarla".

Un'offesa gravissima a tutte le donne che vengono drogate per essere violentate, un concentrato di stupidità e maschilismo raccapriccianti, alla faccia del tanto declamato Codice rosso.
Dalle offese di Salvini per le donne di Ormea ai suggerimenti per gli stupratori, la Lega ha davvero toccato il fondo.
... Leggi di piùLeggi meno

Guarda su Facebook

Instagram

X