Seleziona una pagina

Chi sono

Sono nata a Cuneo nel 1981. Mi sono diplomata all’ITC Bonelli di Cuneo e, in seguito Educatrice professionale a Torino.
Ho diviso il mio impegno lavorativo tra scuola, il privato sociale con minori e disabili e la collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli onlus di cui sono stata codirettrice; già responsabile Lavoro PD della Granda, sono stata Consigliere e poi Assessore a Borgo San Dalmazzo; eletta Deputata nel 2013, da luglio 2015 sono stata nominata Vice Presidente del gruppo PD. A luglio 2017 sono divenuta responsabile del Dipartimento Lavoro del PD. Da luglio 2018, in Segreteria Nazionale PD con la delega Lavoro e professioni.

Rendiconto di mandato

Mi è sembrato doveroso raccontare questi cinque anni alla Camera dei Deputati.
Qui trovate il rendiconto in formato digitale: leggetelo, scrivetemi, fatemi sapere cosa ne pensate.

News

Cheese

Cheese è senza dubbio la manifestazione per me più significativa del territorio perché non è “solo” un grande evento ma ci parla di valori, di lavoro, di fatica e lo fa non chiudendosi ma aprendosi al Paese e al Mondo. Lo fa trasmettendo un’idea di agricoltura...

leggi tutto

Programma incontri

ottobre, 2019

Newssu evento

Fai una domanda

13 + 7 =

Twitter

La manovra darà l'imprinting dei rapporti fra governo e mondo del lavoro: con le #partiteIVA possiamo e dobbiamo fare di meglio. Su la @nuvoladellavoro le mie idee e proposte su compensazioni, equo compenso, welfare nuvola.corriere.it/2019/10/18… @dariodivico @Andrea_Dili @annasoru

Circa 11 ore fa dal Twitter di Chiara Gribaudo via Twitter for Android

Facebook

1 giorno fa

Chiara Gribaudo

Ad Alba non si commemorerà il 75esimo anniversario dei "23 giorni della città di Alba", ma c'è un signore che scherza sui cecchini sui tetti come soluzione ai furti. Grazie al gruppo consiliare del centrosinistra, Uniti per Alba, per aver denunciato questa pessima battuta del nuovo assessore alla "sicurezza", naturalmente leghista. Forse non sa che gli ultimi cecchini che il Piemonte ricordi sono quelli fascisti che sparavano ai partigiani e ai cittadini inermi, durante la Resistenza.

Che tristezza vedere come si perdono le radici di una storia di libertà e democrazia, legittimando invece l'uso della violenza da parte dei cittadini. La moltiplicazione delle armi nelle case degli italiani rilanciata da Salvini sta facendo solo più morti e feriti, e questi scherzano con il fuoco. Sindaco Carlo Bo, gli sceriffi non servono a niente. Basta con questo imbarbarimento, Alba e la sua storia non se lo meritano.
... Leggi di piùLeggi meno

Guarda su Facebook

Instagram

X